I 5 borghi più belli della Tuscia Viterbese

Le tradizioni, i paesini medievali, le viuzze strette, il buon cibo, in alcuni luoghi sembra che il tempo si sia fermato. La provincia di Viterbo, è piena di luoghi meravigliosi da scoprire, ricca di cultura, storia, architettura.Piena di borghi senza tempo, dove si ha la sensazione di respirare aria di pura magia. Tra strutture medievali, laghi, paesaggi mozzafiato, c’è veramente tanto da scoprire e visitare. La Tuscia viterbese, chiamata così perché anticamente era terra degli Etruschi, è ideale per viaggiatori occasionali o esperti. Veniamo a scoprire quali sono i 5 borghi assolutamente da vedere.

Civita di Bagnoregio

civita di bagnoregioViene chiamata la “città che muore”, fondata circa 2500 anni fa, questo meraviglioso paesino  si affaccia su un monte,seguito da un lunghissimo ponte  di circa 300mt che lo collega. Le voci da anni, narrano che il monte sta man mano cadendo pezzettino dopo pezzettino, ma nonostante questo non c’è assolutamente nulla di certo.

All’interno del paese si respira un’aria di pura magia, di assoluto silenzio ( sembra che gli abitanti siano 5 attualmente), tra le incredibile rovine delle case di pietra che la compongono, le viuzze strette, per non parlare delle viste mozzafiato, vi daranno la possibilità di scattare fotografie uniche. All’interno è possibile mangiare del cibo locale fatto in casa ( ottimi salumi e formaggi con miele). E’ senza dubbio la metà più ambita ed amata dai turisti di tutto il mondo.

 

Tuscania

Cittadina del Lazio Settentrionale, Tuscania offre torri e castelli che conferiscono impronta medievale, il suo antico centro fiorì nel III a.C., Tuscaniaquando il suo territorio, in origine, passò sotto il dominio romano.

Nella sua parte più antica si conservano ancora ruderi di edifici, alcuni identificabili: portici, acquedotti e terme. E’ uno dei borghi più antichi della Tuscia Viterbese, infatti in epoca etrusca, Tuscania era  il centro di un importante territorio in cui sorsero in antichità villaggi e piccoli insediamenti.
Si notano fin da subito le sue grandi mura e le sue torri del suo antico castello, un vero must per chi ama l’archeologia.
Questa magnifica cittadina è facilmente raggiungibile in auto, fa da ponte tra Viterbo e Montalo di castro, è impensabile non visitarla per ammirare così tanta storia.

 

Bomarzo

Uno dei borghi più rinomati, è conosciuto per la presenza del Parco dei Mostri o Sacro Bosco, ma prima di parlare del parco, andiamo a scoprire questa graziosa cittadina.

bomarzo Dall’aspetto tipicamente medievale, Bomarzo si trova al confine con l’Umbria, nel cuore della Tuscia. Particolare è il suo centro storico, con il Duomo risalente al XV-XVIII secolo, con interessanti opere d’arte al suo interno.
Come dicevamo prima, Bomarzo offre anche il Parco dei Mostri, un’opera unica al mondo. Qui, come possiamo intuire anche dal nome, possiamo trovare figure, o meglio ancora, dei veri e propri mostri scolpiti disposti in tutto il parco, che riconducono alla tradizione misteriosofica cinquecentesca. Un borgo ed un parco assolutamente da non perdere.
Il prezzo del biglietto è di €10, mentre per i bambini fino ai 13 anni di €8.

Calcata

Un paesino ricoperto da una ricca vegetazione, isolato, con il suo borgo tipicamente medievale, con le sue case ricoperte di tufo rosso, le viuzze strette strette, e con affacci mozzafiato, questa è la meravigliosa Calcata.

La particolarità di questo borgo è che cresce su una roccia di tufo e una volta entrati dentro al cuore del paese, si viene trasportati da una fitta aria di magia, dove sembra fare un salto indietro nel tempo.
Calcata il turismo non è legata solo dal meraviglioso borgo, ma anche all’atmosfera naif e preindustriale che si respira tra le sue strade e le case.
E’ servito da ottimi ristoranti, dove è possibile mangiarci tanto e bene, senza spendere molto.La visita guidata a Calcata non impegna molto tempo, ma vale la pena visitarla almeno una volta nella vita.
Sarebbe anche consigliabile una sosta nelle vicine cascate del fiume Treja, un piccol osalto, ma avvolto da un’atmosfera di pace.

Sutri

Questo antico borgo, vanta una ricchissima collezione di ritrovamenti di grande rilievo storico tra cui un anfiteatro romano, unico nel suo genere, ricavato interamente nel tufo dove poteva ospitare fino a 7000 persone,ed ancora oggi viene usato per eventi o concerti.

SutriDi particolare importanza, troviamo anche una necropoli nella quale è possibile trovare tombe risalenti ad epoca etrusca e romana.
Il Mitreo, tombe etrusche-romane del III secolo d.C, divenuta poi negli anni chiesa paleocristiana e cristiana, custodisce un meraviglioso ciclo di affreschi.
Queste sono solo alcune delle più importanti suggestioni di Sutri, ma ce ne sono molte altre di cui vale la pena vedere.
Il paese, si trova tra Viterbo ( 32km ) e Roma (50km), fa da perfetto collegamento tra le due città, ed è facilmente raggiungile da entrambe le direzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *